LUOGHI DI FORZA

IL NOSTRO LIBRO UFFICIALE!

Aiutaci a crescere. Acquista il nostro libro!


I NOSTRI SITI




VIDEO

REGIONI D'ITALIA

LUOGHI



 


Luogo: Isola di Poveglia - Oggi per visitare Poveglia, è necessario chiedere il permesso al Comune di Venezia 10 mesi prima della data prevista, spiegando e giustificando il motivo della visita.

L'ISOLA DELLA PESTE

Questo luogo appartiene al gruppo:

Argomenti:
Fantasmi

Luoghi:
Italia abbandonata

Regione:
Veneto



Di Chris 73 / Wikimedia Commons, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=7382944

 

Facciamo un salto a Venezia, precisamente nell’isola di Poveglia, luogo da sempre protagonista di vicende fuori dal normale. La storia dell’isola inizia nel 421, anno durante il quale Poveglia ospitó la popolazione fuggita dai barbari che invasero la penisola.

Poco a poco, gli abitanti abbandonarono il territorio, lasciando l’isola completamente disabitata.
Nel 864 a Poveglia (inizialmente chiamata Popilia, nome derivante dalla presenza di pioppi), vennero concesse terre ai fedeli di Pietro Tradonico, Doge della Repubblica di Venezia, pugnalato lo stesso anno all’uscita dalla messa nella Chiesa di San Zaccaria, luogo in cui si celebrava l’anniversario della consacrazione della Chiesa stessa.


Di Angelo Meneghini, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=36431492

Nel 1300, durante la guerra di Chioggia che vide affrontarsi le due Repubbliche marinare di Venezia e Genova, l’isola venne evacuata dalla popolazione che la occupava ed adibita a base militare.    
Da allora, si tentó, senza successo, di riqualificare il territorio, fino al 1700, anno in cui la temuta peste, meglio conosciuta come “la morte nera”, irruppe violentemente nel territorio e l’isola fu utilizzata come zona di quarantena per i contagiati, ormai senza speranza e luogo di sepoltura dei morti, che venivano bruciati nella speranza dell’eliminazione definitiva della malattia.

Di Angelo Meneghini, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=36431492

Nel 1922, vi fu costruito un edificio che apparentemente ospitava anziani, ma che in realtá, fungeva da manicomio, attivo fino al 1946. In questo luogo abbastanza inquietante, i cosiddetti “malati di mente”, venivano trattati come animali dal personale e lobotomizzati dal direttore, che successivamente, si suicidó gettandosi dalla torre dell’edificio stesso.

L’isola, in seguito a queste vicissitudini, fu un luogo in cui nacquero diverse leggende e storie legate ad esso. Difatti, si dice che i poveri malcapitati, raccontavano di visioni di fantasmi dei morti di peste e che lo stesso direttore, si sia lanciato dalla torre, “invogliato” dagli spiriti della gente morta che aveva torturato.


Di Marco Usan, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=57780275

Nel 1997 si pensó di costruirvi un ostello della gioventú, ma l’idea non si concretizzó e venne accantonata.
Nel 2013, l’isola fu messa in vendita e la miglior offerta fu fatta da un imprenditore nel 2014, l’idea era quella di fondare un centro per disturbi alimentari, ma ancora una volta, la riqualificazione del territorio, non andó in porto.

Oggi per visitare Poveglia, è necessario chiedere il permesso al Comune di Venezia 10 mesi prima della data prevista, spiegando e giustificando il motivo della visita.

Denise Habitissimo
https://www.habitissimo.it/idee/luoghi-abbandonati-d-italia

 



Il portale dei Luoghi Misteriosi
www.luoghimisteriosi.it - info@luoghimisteriosi.it

Il portale dei Luoghi Misteriosi (english version)
www.mysteriousplaces.it

® Luoghi Misteriosi
Luoghi Misteriosi è un marchio registrato
è vietato copiare il contenuto di questo sito senza l'approvazione dei relativi autori
per utilizzo di foto, testi, contenuti contattare info@luoghimisteriosi.it

I nostri libri

Negli ultimi anni siamo cresciuti molto contando sempre sulle nostre forze per dare visibilità a luoghi poco conosciuti del nostro bellissimo paese.

Adesso abbiamo bisogno del tuo aiuto affinchè possiamo crescere ancora di più.

GUARDA GLI ALTRI LIBRI

I nostri siti



Sito consigliato da

 

 

Centro regionale
Beni Culturali Abruzzo

Multimedia