LUOGHI DI FORZA

IL NOSTRO LIBRO UFFICIALE!

Aiutaci a crescere. Acquista il nostro libro!


I NOSTRI SITI




VIDEO

REGIONI D'ITALIA

LUOGHI



 


Luogo: Revere (MN)

Questo luogo appartiene al gruppo:
alberi
alchimia (fuoco)
femminino sacro (befana)
rituali pagani

Regione:
Lombardia


A MANTOVA E QUA E LÀ PER L’ITALIA, LA “VECIA”, LA “STRIA”… LA BEFANA “VIEN DAI MONTI A NOTTE FONDA”.

“… come è stanca e la circonda neve, gelo e tramontana…”

continua una nota filastrocca che ogni anno – almeno così era fino a metà dell’altro secolo. E chi scrive la ricorda benissimo… – accompagnava le festività natalizie che si concludevano proprio il 6 Gennaio, il giorno dell’Epifania. Non so ancora  per quale arcano motivo la strana vecchietta – ma sì, la Befana! – non venisse di buon mattino o al massimo nel primo pomeriggio, quando il sole era ancora alto e la ‘notte fonda’ non avrebbe acuito i disagi dovuti alla neve, al gelo e alla tramontana. Poi, avrebbe anche potuto trasferirsi in città, in un bell’attico e abbandonare i disagevoli ‘monti’! Ma, ben si sa, imperscrutabili sono i pensieri delle Befane di tutto il mondo…
Epifania abbiamo detto? Epifania da cui deriva il non bellissimo nome dato alla nostra cara vecchietta che vola a cavallo di una scopa. Epifania che deriva dall’aferesi del latino Epiphania, ovvero ‘apparizione’, termine mutuato dal greco antico, con lo stesso significato. Poi, verso il III secolo le comunità cristiane designano con il  termine ‘epifania’ ogni manifestazione divina del Salvatore e, in particolare, l’adorazione del Divin Fanciullo da parte dei Re Magi.


Una bella raffigurazione pittorica dei tre (o forse erano di più?) Magi davanti al Divin Fanciullo.

Ma perché scegliere proprio un’attempatissima signora, con un bitorzoluto naso e un fisico non proprio da pin-up, a rappresentare una festa che celebra la nascita di Gesù, festa che è attesissima, con ansia, da qualsiasi bambino e, perché no, da qualche adulto in vena di nostalgici ricordi? Un’ipotesi che ha riscosso abbastanza consensi identifica la Befana come sopravvivenza di una figura arcaica, simbolo di Madre Natura che, giunta alla fine dell’anno invecchiata e rinsecchita, appare come una ‘comare secca’, come una vecchia da… ‘bruciare’. Cosa  questa che avviene, ad esempio, in provincia di Mantova dove la ‘vecia’, la ‘stria’, insomma la ‘strega’ che rappresenta la Befana, viene posta su un rogo ricco di amare ‘castagne cavalline’ che scoppiettano al fuoco come veri petardi. Se vogliamo, la Befana sarebbe una sorta di metafora del ‘Vecchio Testamento’ che si rinnova con l’avvento del Cristo e di una ‘Nuova Alleanza’, un nuovo corso della Storia.


A Revere, nella provincia di Mantova, a Piazza Castello arde il falò in cui viene bruciata la “vecia”, la Befana. E con essa le passate ‘cose brutte’, da dimenticare…

Una romantica interpretazione di questo arcaico rito – a cavallo tra la religiosità popolare e reminiscenze di antichissimi culti pagani – sostiene inoltre che tali fuochi si accendano affinché la Madonna possa asciugare i pannolini del Bambin Gesù e possano illuminare la via ai Magi che portano i regali…
Dal ‘rogo’ della ‘vecia stria’, della Befana, nasce il ‘carbone’ per i bimbi ‘cattivi’ (lo ricordo dolce e, forse, al sapore di menta!) che simboleggia l’energia latente della Madre Terra, pronta a rivivere, a rinnovarsi con il nuovo anno.


Il classico carbone dal piacevole sapore di menta portato dalla Befana a tutti i bambini buoni e…”cattivi”.

In fin dei conti è una cerimonia simile a quella denominata ‘Sega-la-Vecchia’ – diffusissima negli anni Cinquanta in alcun regioni italiane e ancor viva in Campania, ad Alife – rito tipico della mezza Quaresima: una volta ‘segata’, la ‘Vecchia’ offre una piccola cascata di regali e dolciumi che rappresentano i ‘semi’ grazie ai quali ella risorgerà a primavera come una Madre Natura ‘giovinetta’ e pronta ad affrontare altri lunghi mesi di intenso lavoro, di avversità, di gioie, di vita.


Una curiosa immagine del rito ‘Sega-la-Vecchia’ ancora vivo ad Alife – piccolo comune della provincia di Caserta – nel periodo di mezza Quaresima. Il rito richiama in qualche modo il magico mondo della Befana.

Non è Natale se non c’è un abete sovraccarico di addobbi, di luccicanti palle colorate, di iridescenti, lunghe strisce argentee o dorate che simulano un improbabile innevamento. Ma come è nata l’idea di allietare le festività natalizie con un abete sotto cui porre i doni da offrire a chi ci sta più caro?
Spostiamoci nella Germania del VII secolo dove, a Geismar, incontriamo un monaco e missionario nato in Britannia, a Winfrid, mentre è tutto preso dalla sua predicazione sulla Natività ad una tribù di Druidi. Il nostro monaco, poi divenuto San Bonifacio, cerca di convincere quei pagani che la quercia non è affatto sacra e inviolabile e poiché un’immagine vale più di mille parole, ne abbatte una. Il povero albero schiaccia tutti i cespugli posti sulla traiettoria di caduta, ad eccezione di un piccolo abete. Un caso? E abbastanza probabile, ma il buon Bonifacio approfitta dell’occasione ed enfatizza l’evento stabilendo che l’abete diventi l’albero consacrato al Bambino Gesù e che la festività in cui si ricorda la nascita del Salvatore sia sempre ricordata mediante un piccolo abete posto  nelle abitazioni.
Secoli più tardi, nel 1561, un apposito decreto forestale emanato nella cittadina di Ammerschweier, in Alsazia, stabilisce le massime misure dell’abete, mentre compaiono sugli alberi delle natalizie festività decorazioni costituite da rose di carta, mele, cialde, dolci, e piccoli doni.
Corre voce che fu Martin Lutero, grande riformatore protestante del XVI secolo, ad aggiungere le candeline sull’albero di Natale. L’idea gli viene mentre in una fredda nottata invernale si dirige verso la sua abitazione e nota la bellezza del cielo stellato intravisto tra le fronde di un albero. Per ricostruire nella sua casa l’immagine che tanto lo ha colpito e rivivere quei momenti, fissa ai rami del suo abete di Natale dei piccoli ceri accesi. Già nel XVIII secolo appare diffusissima in Germania la tradizione del ‘Christbaum’, ovvero dell’”albero di Cristo” e da qui si diffonde rapidamente in tutta l’Europa occidentale.


Uno stupendo “Christbaum”, ovvero l’”albero di Cristo” nella città di Monaco.

In America la tradizione dell’albero di Natale arriva con i primi immigrati tedeschi in Pennsylvania intorno al 1821, a dispetto di varie leggi risalenti addirittura alla metà del Seicento che penalizzano qualsiasi usanza relativa al 25 Dicembre  non legata ad  una precisa funzione religiosa. Nel 1800 sul Godey’s Lady’s Book, una diffusa pubblicazione destinata al pubblico femminile, tramite espliciti, graziosi ed umoristici disegni fornisce alle famiglie suggerimenti per preparare dolci e luculliani pranzi, ma soprattutto per decorare l’albero di Natale ormai presente in ogni casa.


Un raro numero del 1864 della pubblicazione  femminile Godey’s Lady’s Book  suggeriva alle gentili signore dell’Ottocento anche come abbellire l’albero di Natale.

La rivista raggiunge anche un altro obiettivo: quello di far capire alle casalinghe d’oltreoceano che il Natale non è solo un giorno da santificare con solennità, ma è anche una circostanza da vivere con allegria, con serenità, in piena armonia.
Almeno nei limiti imposti dalla solita frenetica, quotidiana, esistenza…

 


Dello stesso autore

Ordina il libro

In questo libro – che l’Autore ha impostato come una sorta di “Manuale per esperimenti” – troverete ciò che mai un cultore di studi alchemici “di stretta osservanza” vorrebbe rinvenire in un testo in cui compaia la magica parola Alchimia!. D’altra parte di libri sull'Alchimia ne esistono a centinaia, tutti più o meno validi su un argomento che coinvolge moltissimi campi del sapere, da quelle lontane ricerche che aspiravano ad essere annoverate nell'ambito delle “vere scienze”, alla filosofia “occulta”, ad un esoterismo che più incomprensibile non avrebbe potuto essere.Libri sui quali l’Autore ha passato moltissimo tempo, libri che non possono mancare nella biblioteca di chi si occupa di “misteri” ad ampio spettro, libri che non possono non arricchire il patrimonio culturale dello studioso interessato ad una delle più discusse sfaccettature dell’umano ingegno.

Nelle librerie o presso l’Editore: via Cino da Pistoia, 2
Tel. 347- 800 471 6

enigmaedizioni@gmail.com
www.enigmaedizioni.com

 

 



Il portale dei Luoghi Misteriosi
www.luoghimisteriosi.it - info@luoghimisteriosi.it

Il portale dei Luoghi Misteriosi (english version)
www.mysteriousplaces.it

® Luoghi Misteriosi
Luoghi Misteriosi è un marchio registrato
è vietato copiare il contenuto di questo sito senza l'approvazione dei relativi autori
per utilizzo di foto, testi, contenuti contattare info@luoghimisteriosi.it

Trattamento dei dati personali e informativa sui cookie

 

I nostri libri

Negli ultimi anni siamo cresciuti molto contando sempre sulle nostre forze per dare visibilità a luoghi poco conosciuti del nostro bellissimo paese.

Adesso abbiamo bisogno del tuo aiuto affinchè possiamo crescere ancora di più.

GUARDA GLI ALTRI LIBRI

I nostri siti



Sito consigliato da

 

 

Centro regionale
Beni Culturali Abruzzo

Multimedia