LA NOSTRA ULTIMA USCITA!

Aiutaci a crescere. Acquista il nostro libro!


I NOSTRI SITI




VIDEO

REGIONI D'ITALIA

LUOGHI



 

I LIBRI DI LUOGHI MISTERIOSI


 



ANCHE A TE E FAMIGLIA

di Isabella Dalla Vecchia e Sergio Succu

- libro ufficiale di luoghimisteriosi.it -

 

Perché facciamo gli auguri? Perché decoriamo l’abete? E le luci di Natale? Perché ci si bacia sotto il vischio? Cosa ci fanno il bue e l’asinello nel presepe se i Vangeli non ne parlano? Sapevi che nella mangiatoia c’era anche un gatto? E che uno dei re Magi è diventato italiano? E la stella cometa? E la ghirlanda? E il pupazzo di neve? Ogni anno compiamo gesti ricorrenti con grande sicurezza, spesso senza sapere o chiederci il perché. Questo libro è una raccolta di risposte a queste e a molte altre curiosità, esattamente come il titolo «Anche a te e famiglia» che in sostanza è una risposta alla parola «auguri». Un testo da leggere insieme ai propri cari la notte di Natale, scoprendo l’origine del regalo, dei biglietti di Natale, del calendario dell’Avvento, dei Magi, di Santa Claus e perfino delle sue magiche renne volanti. Il Natale raccontato in modo semplice, approfondito e divertente, con ironia e affetto, svelando pagina dopo pagina ciò che si sta vivendo e sorridere di ciò che non si conosceva. A Natale regala il Natale: un dono e un augurio fuori dal comune a te e alla tua famiglia.


Perché facciamo gli auguri, i regali, addobbiamo l’albero, ci appoggiamo le luci, attacchiamo una ghirlanda alla porta e se nevica facciamo pure il pupazzo di neve?

Sappiamo perché facciamo tutte queste attività natalizie?

Innanzitutto al tempo degli Etruschi, dei Greci e dei Romani, chi faceva auguri lo faceva per lavoro. Era un sacerdote e veniva chiamato àugure, con una grande conoscenza degli elementi naturali e del simbolismo e aveva il compito di leggere e interpretare il volo degli uccelli. Perché proprio questi animali? Perché erano gli esseri viventi più vicini agli dèi e considerati spesso loro messaggeri. Un esito non sempre positivo: ogni volta che un àugure era in azione c’era da tremare, perché potevano esserci buone o pessime notizie.
L’albero di Natale si spoglia per donare i suoi frutti appetitosi che nutrono l’uomo in una notte povera, fredda, quasi priva di vita. Dona un frutto, bello, perfetto, quasi proibito a cui tendere la mano: ricorda forse qualcosa? Ma certo, è l’albero della Conoscenza del Bene e del Male del paradiso terrestre e pare sia stata proprio quest’immagine a ispirarne la nascita. Ci troviamo in Germania all’epoca medievale, periodo in cui fece un gran successo il «Dramma del Paradiso», una rappresentazione teatrale che veniva messa in scena ogni 24 dicembre. E non a caso la Vigilia è dedicata ai Santi Adamo ed Eva.
Fu Martin Lutero ad aver inventato le luci sull’albero di Natale. Accadde che una notte della vigilia, per rientrare a Wittemberg, Lutero dovette percorrere un bosco innevato. Fu però incuriosito dalle strane luci che sembravano muoversi tra i rami alti degli alberi e non si spiegava da dove provenissero. Stropicciando gli occhi vide che erano semplici stelle. Tornando a casa desiderò ardentemente riprodurre la magia del luogo applicando le stesse luci sui rami del suo abete di Natale.
Appendiamo una ghirlanda fuori dalla porta senza conoscere il suo forte valore simbolico: in quasi tutte le tradizioni d’Europa era d’abitudine apprendere all’esterno ciò che poteva allontanare il male, come legno di ginepro, per evitare le streghe, edera oppure ghirlande di alloro, con cui i Romani incoronavano i vincitori, semi divinità che dimostravano doti extra umane. Perché proprio la notte di Natale dovremmo stare attenti al male? Perché spiriti, demoni o spettri non vagano per le strade solamente ad Halloween. Pare che amino girovagare anche la notte di Natale, sia perché le anime dei parenti e degli avi desiderano riunirsi insieme ai famigliari, sia perché gli esseri demoniaci cercano Gesù bambino, per fermare la sua eterna rinascita e far vincere le tenebre.
È davvero difficile trovare la vera origine del pupazzo di neve, ma è certamente antica, in quanto la prima immagine che lo ritrae risale al 1380 e si trova nel «Libro delle Ore», conservato nella biblioteca nazionale dell’Aia, nei Paesi Bassi. Un tempo si pensava che il bosco fosse popolato da esseri antropomorfi che assumevano aspetto umano, anomalie che Madre Natura si divertiva a generare per rapportarsi e comunicare con l’uomo. Ogni stagione aveva i suoi individui e come il Green Man prendeva forma dalle piante a primavera, l’uomo di neve si animava dal ghiaccio in inverno, tramite un elemento malleabile, l’acqua, in grado di assumere qualsiasi forma.
E poi perché proprio il 25 dicembre? Perché ci scambiamo i regali? Non solo per i re Magi, ma per una tradizione romana molto antica. Perché Babbo Natale si veste di rosso? In realtà si vestiva di verde… Perché le renne volano? Perché ci sono il bue e l’asinello se i Vangeli non ne parlano? Perché ci si bacia sotto il vischio? Da dove nasce il calendario dell’Avvento? Chi è la Befana?

ANCHE A TE E FAMIGLIA un tormentone che a Natale non può mai mancare.


• Scarica l'indice

• Scarica il primo capitolo

DISPONIBILE ANCHE IN AUDIOBOOK SU AUDIBLE

DISPONIBILE LETTURA GRATUITA SU AMAZON UNLIMITED

 






 



Il portale dei Luoghi Misteriosi
www.luoghimisteriosi.it - info@luoghimisteriosi.it

Il portale dei Luoghi Misteriosi (english version)
www.mysteriousplaces.it

® Luoghi Misteriosi
Luoghi Misteriosi è un marchio registrato
è vietato copiare il contenuto di questo sito senza l'approvazione dei relativi autori
per utilizzo di foto, testi, contenuti contattare info@luoghimisteriosi.it

Trattamento dei dati personali e informativa sui cookie

I nostri libri

Negli ultimi anni siamo cresciuti molto contando sempre sulle nostre forze per dare visibilità a luoghi poco conosciuti del nostro bellissimo paese.

Adesso abbiamo bisogno del tuo aiuto affinchè possiamo crescere ancora di più.

GUARDA GLI ALTRI LIBRI

I nostri siti



Sito consigliato da

 

 

Centro regionale
Beni Culturali Abruzzo

Multimedia