Torna alla home

Luoghi Misteriosi collabora/ha collaborato con:


Vai a vedere
tutti i misteri spiegati scientificamente

Regioni D'Italia




















Italia



Simboli




















LUOGHI DI FORZA
Il nostro libro ufficiale!
Aiutaci a crescere

ACQUISTALO ORA!







Vai a vedere i video!

Nostro canale

Seguici

English version

I nostri siti

Luoghi Misteriosi
sui Media

VIDEO

Sito consigliato da:

Centro regionale
Beni Culturali Abruzzo

Argomenti



























































Luoghi


















 

 

torna alla Home

Questo luogo appartiene al gruppo:
ALCHIMIA
LEGGENDE
PAGANESIMO/CRISTIANESIMO
Luogo: CITTA' IDEALI

 
SASSO SIMONE (PU) - RISERVA NATURALE DEL SASSO SIMONE
LA CITTA' DEL SOLE



articolo di Isabella Dalla Vecchia - info@luoghimisteriosi.it
fotografie di Ezio Angelini - ezioangelini@hotmail.it

I capitoli di questa scheda sono:
La città ideale
Il sacrificio degli abitanti

La città ideale

Nei pressi di Sestino (AR) e di Carpegna (PU) è notevolmente visibile un'insolita formazione geologica, perchè costituita da un imponente rilievo calcareo di 1204 metri di altezza con cima piatta.

E' affiancato da un masso più piccolo dal nome di Simoncello. La loro presenza anomala, perchè diversa dalla formazione del territorio, è spiegata dal fatto che entrambi sarebbero giunti fino a qui fin dal mar Tirreno circa 3 milioni di anni fa, scivolando sui terreni argillosi. Sono infatti formati da rocce sedimentarie costituite prevalentemente da fossili marini del tipo di echini e ostriche, parte di essi visibili alla Geoteca della Vallata del Carpegna (Comune di Carpegna - AR).

Il Sasso fu abitato all'epoca del bronzo e utilizzato come tempio naturale per le divinità adorate da antichi sacerdoti romani, detti i "Semoni" una delle varie ipotesi sull'origine del nome.

Rimane però in auge una leggenda che narra che il nome fosse derivato da un eremita giunto dall'oriente dal nome di Simone, che avrebbe scelto di viverci in totale solitudine e preghiera, come del resto fecero molti monaci in Italia.


disegno archivio Comune di Carpegna

In seguito, verso l'anno 1000, fu edificata alla sommità un'abbazia benedettina, dedicata a San Michele Arcangelo, sopra le rovine di un tempio longobardo.
I monaci che qui vi abitavano in totale clausura, riuscirono a coltivare l'altipiano ricavandoci cereali, lino e piselli. Purtroppo però vi fu un brusco cambiamento climatico con inverni sempre più rigidi e la cima divenne invivibile obbligando i monaci, già nel 1200, a trasferirsi altrove, sia nel vicino Castello di San Sisto che a Sestino, inizialmente solo per l'inverno ma successivamente per l'intero anno, spopolando in questo modo, l'intera zona.

Il monastero cadde in rovina e il luogo fu completamente abbandonato, fino al 1565, quando Cosimo I de' Medici lo scelse grazie alla posizione e alla maestosità geologica, per costruirvi una città fortezza a difesa dei confini del Granducato nei confronti dei nemici, i duchi di Urbino. Era un progetto ardito che portava in sè grandi aspettative, infatti solo la posa della prima pietra fu celebrata con grandi onori. Oltre alla difesa infatti, questa fortezza sarebbe stata un simbolo di potere per Cosimo, quasi una casa divina, sopra cielo e nuvole. Concorrente al castello di San Leo, ma molto più inespugnabile per la presenza di pareti ripide e verticali su tutti e 4 i lati.


fotografia Wikipedia

Progettata dagli architetti Giovanni Camerini e Simone Genga venne grandiosamente chiamata "Città del Sole", ma durò solo un secolo, perchè a causa delle forti difficoltà climatiche, fu abbandonata nel 1673 dai 300 abitanti prima ancora di essere del tutto terminata, dopo soli 10 anni. Certamente impossibile da espugnare, ma a conquistarla non vi si faceva comunque un bell'"acquisto", troppo ardua anche l'abitabilità per un essere umano, solo un Dio vi poteva risiedere.

Una città che rimane utopica, geometricamente perfetta ma solo nell'immaginazione, una città "ideale" perchè connubio tra architettura, natura e spiritualità. Una Gerusalemme celeste sognata e pensata ma mai del tutto realizzata. A volte la si vede apparire come un miraggio tra le nuvole, ma scompare non appena il cielo diviene terso.


disegno archivio Comune di Carpegna

Ad oggi resta solo la strada lastricata che porterebbe alla nostra 'ipotetica città sospesa nel vuoto, una sorta di Olimpo immaginario del quale restano solo alcuni ruderi, tra cui una delle cisterne che contiene ancora l'acqua, resti di mura e le basi della pianta urbanistica. Sarebbe stata la città "sul tetto del mondo" motivo per cui avrebbe meritato il nome di "città del Sole".

Oggi è una riserva naturale di innegabile bellezza (Riserva naturale del Sasso Simone - 1600 ettari), che, nonostante non presenti nessun tipo di edificazione religiosa, mantiene comunque un ambiente e un'atmosfera di totale sacralità.
Restituita alla natura, dove il Sole si riposa e forse addirittura ci vive in ciò che è la "sua" città o quantomeno un suo tempio. Peccato che di "sole" la zona ha ben poco dato che l'abbandono fu dovuto proprio all'eccessivo clima rigido.

Il sacrificio degli abitanti

Riporto un tratto del libro di Girolamo Allegretti - "LA CITTA' DEL SASSO" che ben racconta sia la struttura della Città del Sole e sia le difficoltà nell'abitarla.
Il brano è tratto dal sito del Comune di Carpegna:

"Il 14 luglio 1566 si avvia l'immane opera: si iniziano a gettare le fondamenta delle case per accogliere i previsti 300 abitanti, le osterie, le casematte, il forno, le carceri, le grandi cisterne per l'acqua (quella principale, incredibilmente, è ancora lì piena d'acqua), la bottega del fabbro, i granai per mille staia di grano, il salnitraio e le salaie, il deposito delle farine, il palazzo del provveditore, l'armeria, l'arsenale, il tribunale, le stalle. Inoltre la chiesa, il palazzo del capitano con la cancelleria, gli edifici per l'acquartieramento dei soldati, la sala delle torture, le torri, le mura perimetrali, i depositi per le munizioni, i ricoveri per l'artiglieria, i magazzini per i viveri. Per un intero decennio questo luogo isolato e silenzioso risuonò dei rumori e delle voci delle centinaia di operai, scalpellini, architetti, muratori, carpentieri, falegnami, boscaioli, fabbri, del cigolio dei carri e delle carrucole, del muggire dei buoi.

Si fabbricano in loco mattoni e tegole, si squadrano le pietre, si scava la roccia, si forgiano cardini e serrature, si fabbricano gli armamenti. I lavori non si fermano neanche con l'inverno: una carovana di uomini, carri e buoi, carichi di pesantissimi pezzi d'artiglieria, arriva appositamente da Arezzo. Spossati dal viaggio, dalla fatica e dal freddo, i buoi che trainano i carri giungono stremati in cima al monte, ma scivolano sulla ripida salita gelata. Nessuno riesce a fermarli: travolgono la retrostante spedizione e precipitano tutti nel vuoto in un'orrenda carneficina. L'utopistico progetto nasceva obsoleto già in partenza. Drammaticamente costoso rispetto all'effettiva utilità, quando ormai le guerre si combattevano e risolvevano in campo aperto per il mutare di tattiche e armamenti, l'esito positivo di tale ambiziosa costruzione avrebbe dovuto suscitare qualche dubbio, ma si andò avanti ugualmente.

Il primo gruppo formato da una decina di soldati fu mandato a presidiare la fortezza nel dicembre 1573. E già allora ci si accorse delle difficoltà: "Ci sono poche provviste e la legna bisogna estrarla di sotto la neve alta. Fa freddo.  Siamo male equipaggiati e non ci è da dormire. Il vento caccia la neve persino nei letti".
Nell'estate del 1574 le case abitate erano ancora pochissime e gli occupanti vi risiedevano malvolentieri. Il vescovo di Famagosta, in visita estiva al Sasso, annota che "…sarà molto difficile che qualcuno potrà risiedervi d'inverno". Nel successivo inverno si dovette allestire una cappella all'interno del palazzo del capitano, poiché "…non si poteva andare alla chiesa ordinaria per via dei tempi cattivi": distava appena settanta metri.

Quella che fu in seguito definita "La piccola glaciazione", un inasprimento del clima che porterà ad un abbassamento generale della temperatura su tutto il pianeta, era appena agli inizi. Le estati si accorceranno. Gli inverni diverranno più lunghi e rigidi. Sarà la causa della totale distruzione dei raccolti, di un disastro che metterà in ginocchio la montagna per secoli. Sarà la fame più disperata e la conseguente perdita di un terzo della popolazione. Qui non si parlava di benessere: era in gioco la sopravvivenza stessa. Spazzato da venti e bufere, attanagliato dal gelo, insidiato dalla natura selvaggia del luogo, stretto d'assedio da branchi di lupi famelici e da non meno feroci gruppi di banditi spietati, il sogno mediceo si era trasformato in un incubo. Ancora per poco  qualche audace resistette nella città: dieci anni dopo la sua costruzione, l'ardita fortezza era ormai totalmente abbandonata. Le strutture andarono incontro ad un rapido deterioramento e nel 1674 la città era già totalmente diroccata, tanto che ne fu decretato lo smantellamento per il recupero dei pochi materiali utilizzabili. Alcuni di questi li possiamo tutt'ora vedere nei vecchi cascinali del circondario e sulle facciate di qualche antica costruzione.

Del poco rimasto, la natura avrebbe presto fatto giustizia: il vento, il freddo, le tempeste, il ghiaccio e la vegetazione cancelleranno rapidamente il sogno del giovane principe fiorentino. Poche tracce nascoste in un ambiente aspro e selvaggio: ecco ciò che rimane, oggi, di quella assurda scommessa".

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI SIMILI
gruppo Alchimia
gruppo Leggende
gruppo Paganesimo/cristianesimo

ALTRI LUOGHI SIMILI
Luogo Città ideali

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI NELLE MARCHE
gruppo Luoghi nelle Marche

INFO UTILI
• Il Centro Visita della Riserva Naturale del Sasso Simone si trova all'interno dell'abitato di Sestino, in provincia di Arezzo. Info 0575.772642.
Il Parco naturale del Sasso Simone e del Simoncello ricade nella provincia di Pesaro Urbino, con diversi comuni tra i quali Carpegna. Il Centro visite principale si trova a Pennabilli. Info 0541.928047.

articolo Isabella Dalla Vecchia - info@luoghimisteriosi.it
fotografie (laddove non specificato) Ezio Angelini - ezioangelini@hotmail.it

Bibliografia/fonti
Girolamo Allegretti - LA CITTA' DEL SASSO

Comune di Carpegna


 



Il portale dei Luoghi Misteriosi
www.luoghimisteriosi.it - info@luoghimisteriosi.it

Il portale dei Luoghi Misteriosi (english version)
www.mysteriousplaces.it

Il portale degli ancient aliens
www.ancientaliens.it

Il portale dei luoghi di guarigione, forza e immortalità
www.luoghidiguarigione.it

Il portale dei misteri animali
www.misteribestiali.it

® Luoghi Misteriosi
Luoghi Misteriosi è un marchio registrato
è vietato copiare il contenuto di questo sito senza l'approvazione dei relativi autori
per utilizzo di foto, testi, contenuti contattare info@luoghimisteriosi.it