torna alla Home

Questo luogo appartiene al gruppo: BENE/MALE
FANTASMI
LEGGENDE
MIRACOLISTICA
TESORI NASCOSTI

 
CANDIA RIVIERA (VB) - IL CASTELLO DI CANNERO
LA DIMORA DEI TEMIBILI PIRATI LACUSTRI

Questo castello, dall'insolita posizione di esser in mezzo all'acqua piuttosto che su una classica collina, fu costruito dai cinque fratelli Mazzarditi, soprannominati i "fratelli della Malpaga", che intorno al 1404 costituivano un gruppo di temutissimi briganti. Come una sorta di "pirati lacustri", dopo essersi impadroniti del borgo di Cannobio, depredavano ogni villaggio e imbarcazione che incontravano. Questo castello, chiamato per l'appunto "Castello della Malpaga" ne costituiva il loro rifugio. Avvolto nella nebbia, inespugnabile, inquietante, nessuno aveva il coraggio di avvicinarsi per riprendersi la propria refurtiva. Ma dieci anni dopo, il duca Filippo Maria Visconti, in seguito a troppe lamentele da parte degli abitanti del luogo, decise di assediare la rocca con il suo esercito, facendo arrendere i fratelli per fame e distruggendo il castello. Fu in seguito ricostruito e ristrutturato dai Borromeo nel 1520, all'epoca signori del lago, per essere utilizzato come rocca di avvistamento contro le incursioni svizzere.

La leggenda dei piedi pietrificati
Esiste un'antica leggenda legata ai fratelli Mazzarditi. Pare che un giorno volessero non solo depredare una villa nelle vicinanze, ma tramassero anche di rapire il nipotino che vi abitava con il nonno, per educarlo all'arte della pirateria come loro successore. Però uno dei malandrini ebbe la sfortuna di avvicinarsi alla dimora proprio nell'istante in cui il bimbo rivolgeva la preghiera della sera alla propria mamma defunta e al proprio babbo lontano. In quell'esatto momento i piedi del rapitore si pietrificarono, facendo fuggire via gli altri fratelli terrorizzati.

Il tesoro nascosto e i fantasmi dei pirati
Nell'arco degli anni i fratelli Mazzarditi riuscirono ad accumulare parecchie ricchezze, che forse, prima di soccombere dinnanzi al duca Filippo Maria Visconti che li conquistò, gettarono nel lago stesso. Chissà che queste acque non conservino ancora un antico tesoro! Si dice infatti che nelle giornate di folta nebbia, si scorga attorno al castello il loro veliero fantasma che ancora si aggira attorno alla loro antica dimora alla ricerca del tesoro perduto.

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI SIMILI
gruppo Bene/male
gruppo Fantasmi
gruppo Leggende
gruppo Miracolistica
gruppo Tesori nascosti

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI IN PIEMONTE
gruppo Luoghi in Piemonte

(c) articolo e fotografie luoghimisteriosi.it

Il sito dei luoghi misteriosi
www.luoghimisteriosi.it - info@luoghimisteriosi.it