P

 

 


torna alla Home

Questo luogo appartiene al gruppo: ALCHIMIA - GRAAL

 
GENGA (AN) - ABBAZIA DI S.VITTORE DELLE CHIUSE
LA CHIESA DELL'INFINITO

L'abbazia romanica di San Vittore delle Chiuse venne edificata dai longobardi verso la fine del X secolo in terra d'origine di San Benedetto, a cui è dedicata. La chiesa è stata costruita nella Gola di Frasassi, all'interno di un "anfiteatro" di montagne dalle quali risulta completamente circondata; si dice che lo stesso nome "delle Chiuse" (Rave di Clusis) gli sia stato attribuito proprio per questo motivo, perchè risultava "chiusa" trai monti, come se la proteggessero nascondendola. Resta un luogo di profonda pace e spiritualità e mai come in questo caso è stata scelta un'area in cui la costruzione risulta in totale armonia con la natura circostante, trasmettendo, a chi la osserva, un perfetto rapporto architettura/natura. La sacralità qui è percepibile in ogni sua forma ed è impossibile non ritrovare un senso di pace assoluta percorrendo la strada che porta all'entrata.

L'abbazia si trova sopra il fiume Sentino, presso il quale è possibile osservare il bellissimo ponte romano, perfettamente inglobato nel piccolo borgo abbaziale contraddistinto da una torre quadrangolare di difesa medievale, conferendo al luogo l'aspetto di "cittadella fortificata".

In questi luoghi hanno soggiornato per secoli gli Ordini monastici dediti al lavoro della terra e alla preghiera impregnando il luogo di sacralità. Tra questi ordini, quello dei benedettini risulta essere quello più presente, si occupava della cura delle anime nei borghi e nelle campagne, con la diffusione e l'istituzione di altri conventi e complessi monastici nell'entroterra marchigiano.

Il complesso monastico ebbe enorme imortanza nell'XI e nel XII secolo, perchè era il centro di un'area cristiana da cui dipendevano altre 33 chiese e 13 castelli. Purtroppo però nel 1212, quando l'abate Morico III fu costretto a consegnare Castel Petroso al comune di Fabriano, iniziò la decadenza di S.Vittore delle Chiuse, fino a che l'abbazia fu consegnata definitivamente al monastero olivetano di S. Caterina di Fabriano perchè "in perdita economica".

La struttura esterna romanica costituita da blocchi di pietra bianca e rosata, molto sobria, si distribuisce una una pianta a croce greca inscritta in un quadrato centrale da cui si estende una cupola con base ottagonale.

Anche l'interno è molto sobrio e non presenta alcuna forma di decorazione o di immagine.
I fatto di essere scarna a tal punto conferisce a chi entra un senso di purezza e leggerezza, il grande spazio che si respira all'interno suggerisce una suggestione senza pari, l'occhio non è distratto da nulla ma vaga tra gli archi e le pareti volando in un ambiente chiaro e luminoso, nonostante la struttura che dovrebbe renderlo cupo. La sensazione di pace è assicurata, il silenzio è assoluto, la preghiera che si consumava tra queste pareti doveva essere cristallina.

L'unico simbolo che balza all'occhio, perchè solitario e altrettanto misterioso, è un otto o un simbolo dell'infinito rovesciato nei pressi della porta a sinistra dell'altare. Esiste solo lui, non se ne conosce l'origine e il perchè della sua presenza, forse è un riassunto dell'intera abbazia, spiega con l'immagine il senso della struttura che sa portare all'infinito lo sguardo di chi lo volge. Chi non comprende la risposta solo entrandoci, viene suggerita dal simbolo enigmatico noto da tutti i visitatori, impossibile non vederlo anche se discreto, perchè lì, da solo. Per lo meno, non ci si sbaglia.


l'infinito, unica immagine presente nell'abbazia

La stessa abbazia di S.Vittore delle Chiuse così circondata dalle catene montuose marchigiane, non può che trasmettere ciò che alcune strutture, come Castel del Monte, sanno dare, e cioè che vista da lontano è come se fosse contenuta in un gigantesco graal visto con le montagne, chi la "beve" e se ne nutre, ha vita eterna... infinita...


la catena montuosa che circonda l'abbazia


L'elemento di questo luogo è: ARIA
Vai a vedere altri luoghi legati dal simbolo dell'aria



I simboli di questo luogo sono:
• 8
• Cavalieri
Vai a vedere altri luoghi in cui è presente la stessa simbologia


ALTRI LUOGHI MISTERIOSI SIMILI
gruppo Alchimia
gruppo Graal

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI NELLE MARCHE
gruppo Luoghi nelle Marche

Il sito dei luoghi misteriosi
www.luoghimisteriosi.it - info@luoghimisteriosi.it