torna alla Home

Questo luogo appartiene al gruppo:
ALDILA'
FANTASMI
INFERNO E PARADISO
PERSONAGGI

 
VEZIO (LC) - PERLEDO E IL CASTELLO DI VEZIO
UNA STRADA VERSO L'EDEN
 

Tra i secoli II e IV a.C. qui vi era un insediamento prima ligure-celtico e poi etrusco. Questo luogo è da considerarsi talmente antico che la parola viene addirittura riportata nello stesso nome, Vezio che significa “vecchio”. Lo stesso nome latino “pagus vetus” significa “vecchio antico, preesistente”.

Verso il 196 a.C. il luogo era abitazione dei galli, fino a che non furono annessi alla civiltà romana, grazie al commercio (vi era la cosiddetta “via del ferro”), alle strade che collegavano i vari siti e alla collaborazione “gallo-romana” contro la minaccia dei barbari del nord con le zone assoggettate. Vezio divenne un importantissimo luogo difensivo, sia per il punto strategico, con le cinte murarie che scendevano direttamente sul lago, sia per i prodotti siderurgici provenienti dalle fiorenti miniere di ferro.

Circa nell’anno 600 divenne sito longobardo e dimora stessa della regina Teodolinda.
Teodolinda fu la regina longobarda più famosa e importante. Era innanzitutto cattolica convinta e proprio per questo sempre sostenuta da Papa Gregorio, oltre che dai papi successivi, dai quali ricevette anche molti doni. Per la Chiesa questa regina era un punto focale, perché lavorava strenuamente per la definitiva conversione dei longobardi, da sempre ariani e pagani. La chiesa ovviamente sosteneva il suo lavoro, dal quale ne avrebbe ottenuto un bel tornaconto. E lei, oltre a numerosi suoi sudditi, fece battezzare anche suo figlio Adaloaldo.

La leggenda vuole che questo luogo fu una delle ultime dimore della regina, terreno su cui fece edificare la chiesa di S. Martino con il campanile a forma di torre e l’oratorio di S.Antonio unendolo al castello, come a voler cristianizzare una dimora finalizzata alla guerra. Morì a Monza dove fu anche seppellita, ma il suo cuore e la sua anima restarono nella cerchia di queste mura. Si dice infatti, che nelle notti prive di luna il suo spirito vaghi per i corridoi del castello. Esistono anche delle autentiche testimonianze come dimostrano i gessi di fantasmi in cartapesta realizzati dai gestori della rocca.
Il castello si trova a Perledo, una frazione di Varenna e non a caso, la regina Teodolinda scelse come ultima dimora proprio questo paese che letteralmente significa “Per l’Eden” quasi si fosse consciamente rivolta alla preparazione del passaggio verso l’aldilà. E chissà che non stia ancora oggi sottoforma di fantasma camminando proprio alla ricerca del “Paradiso”.

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI SIMILI
gruppo Aldilà
gruppo Fantasmi
gruppo Inferno e paradiso
gruppo Personaggi (regina Teodolinda)

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI IN LOMBARDIA
gruppo Luoghi in Lombardia

(c) articolo e fotografie luoghimisteriosi.it