torna alla Home

Questo luogo appartiene al gruppo: LEGGENDE - PERSONAGGI - MIRACOLI
 
TOSCOLANO MADERNO (BS) - LA CHIESA DI S. ANDREA
UN'ANTICA ARCA ROMANA

La chiesa romanica di S. Andrea è del XII secolo e fu eretta sopra i resti di un'antica chiesa longobarda. La facciata romanica è sobria e mostra un bel portale sovrastato da una finestrella monofora. Troviamo le classiche simbologie romaniche, grifi alati, fogliame, aquile, intrecci, una sirena con doppia coda, una colomba e un agnello.

S. Ercolano era di orgine teutonica, nato da genitori illustri e cristiani, fu insigne per aspetto, ingegno, eloquenza e mansuetudine. Nemico delle ricchezze e amico dei poveri, lasciò la patria e i genitori per seguire Dio. Vide Cristo e gli Apostoli sotto forma di poveri e mentre portava loro in grembo dei pani, questi furono cambiati in pietre preziose. Esercitò l'ufficio di abate in un monastero di Brescia e le sue preghiere resuscitarono due morti. Nel 552 divenne vescovo di Brescia. Trascorse in seguito vita solitaria nella penisola di Campione sul lago di Garda. Alla sua voce ubbidivano uccelli, pesci e animali terrestri. Morì nel 576. Siccome vari comuni si contendevano il corpo, venne fatto decidere a Dio e lasciato su una barca senza conducente. La barca approdò per volere divino a Maderno e il corpo fu riposto in un'arca di pietra nella chiesa di S. Andrea.

La cripta è molto particolare, non è sotterranea all'altare ma è scoperta e in prossimità della navata. L'interno è parecchio oscuro e l'arca risulta così essere avvolta da un alone di intoccabile mistero.

Purtroppo, non si sa per quale motivo, le reliquie sono state spostate nella chiesa parrocchiale più moderna, invece che restare nel luogo che le ha ospitate per centinaia di anni. A volte è davvero difficile capire il motivo di queste scelte.


il lago di Garga da dove giunse la barca



ALTRI LUOGHI MISTERIOSI SIMILI
gruppo Leggende
gruppo Miracolistica
gruppo Personaggi

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI IN LOMBARDIA
gruppo Luoghi in Lombardia
(lista di altri luoghi misteriosi nella regione Lombardia)