torna alla Home

Questo luogo appartiene al gruppo: FEMMININO SACRO
 
TUSCANIA (VT) - LA TOMBA DELLA REGINA
LA DIMORA DELLA MADRE TERRA

La tomba della Regina si trova in un complesso funerario (tombe rupestri e necropoli) di origine etrusca che si estende attorno a Tuscania per un raggio di un paio di chilometri.
In questo sito archeologico è possibile trovare sia necropoli con tombe di tipo ogivale a fenditura superiore del VIII – VII secolo a.C. sia tombe più a carattere rupestre risalenti al VI secolo a.C. Questi sepolcri sono dei veri e propri mausolei, simili ad abitazioni, spesso accanto a corsi d’acqua.
Le tombe rupestri più importanti le troviamo in località Peschiera:

  1. la tomba del Dado a forma di casa
  2. Pian della Mola a forma di tempio greco con un colonnato come portico
  3. Madonna dell’Olivo che ospita più tombe tra le quali quella della Regina

La tomba o grotta della regina ha le colonne scavate nella roccia esattamente sotto la chiesa della Madonna dell'Olivo. Fu scoperta da Secondiano Campanari nel XIX secolo che la attribuì alla regina Hosa. Raccontò infatti di aver visto una figura di volto femminile, ma che si smetrializzò subito. E' possibile che vi fosse presente un affresco che al contatto con l'aria reagì distruggendosi.

la tomba è molto particolare per via di un labirinto di cunicoli (alcuni non ancora esplorati perchè sepolti) che scendono delle viscere della terra senza alcuna ragione apparente. Sono 26, scendono a varie decine di metri sottoterra. Si presenta come un vano di dimensioni molto grandi e sorretta da diverse colonne di pietra. Probabilmente non era un complesso funerario, ma un luogo di culto sacro, troppo centrale rispetto agli altri complessi funerari, anche perchè in questi sono stati trovati sarcofagi, mentre nella tomba della Regina no. E’ facile pensare ad un qualche motivo religioso legato al culto della Madre Terra. La tomba è stata così chiamata per via di un affresco con il volto di una donna, oggi purtroppo perduto, il complesso potrebbe certamente essere l’emblema della Madre Terra, la cui stanza verrebbe collegata ad essa con un groviglio di cunicoli per essere tutt’uno con la vera Dea. Ancora una volta siamo di fronte alla ricostruzione dell'utero materno.