P
 


torna alla Home

Questo luogo appartiene al gruppo:
CULTI SIMILI AGLI EGIZI
PREISTORIA
RITUALI

 
ALBANO DI LUCANIA (PZ) - LA ROCCA DEL CAPPELLO
UN LUOGO DI ANTICHI RITUALI

Le foto e l'articolo della Rocca del Cappello sono stati gentilmente concessi da "Albano di Lucania official website"

La Rocca del Cappello è situata tra la "Rocca della Molaria" e il fiume Basento di fronte alle Dolomiti Lucane. Si tratta di un monolito alto più di dieci metri sulla cui sommità è poggiato un masso enorme dalla forma di cappello dal quale prende il nome. Sul lato S.E. del cappello è inciso un cerchio con ai lati due brevi scanalature a destra.

L'area circostante è caratterizzata dalla presenza di alcune grotte e da mura di contenimento a secco, attraversata da un sentiero che parte dalla località Monticello (740 m. s. m.) e discende con strani giri fra le balze scoscese per circa due chilometri, concludendosi davanti al monolito. In fondo al primo tratto di gradini, sulla parete rocciosa di destra, vi è inciso un cerchio, dal diametro di un metro, orientato verso il sorgere del sole. Poco più giù, su un gradino di cm 45 x 30, è stilizzato un simbolo che sembra un fiore a quattro petali o una palmetta. Più in basso vi è un altro monolito sul cui apice, sul lato S. O. vi è inciso un altro cerchio.
Sullo stesso monolito è stata ricavata una panchina chiamata "Seggia del Diavolo".

I culti presso questo monolite
Questa zona arida e impervia essendo poco adatta all’edificazione di capanne, si può ipotizzare, per la mancanza di fonti storiche, che questo sia stato luogo in cui si svolgevano antichi culti legati all’astronomia e a dei pagani.
Sulla base delle nuove ricerche si ritiene che presso la Rocca del Cappello vi sia la presenza di tracce pertinenti a due culti pagani, il primo preistorico e prettamente indigeno, il secondo di origine egizio/orientale basato su rituali legati agli astri.

Il primo culto “totemico”
Il culto indigeno è attestato dall'enigmatica effige scolpita al lato del monolito, molto simile a quello scolpito a Contursi Terme (SA) ed a quello scoperto a Carlentini (SR), dai quali si presume abbiano avuto origine quelli stilizzati dai Neolitici sui vasi funerari trovati nelle tombe del Materano, della Puglia e della Sicilia. Da ciò si può desumere che presso la Rocca del Cappello, si praticasse ancora il culto dell'antenato mitico e rappresentato da una "entità totemica" di significato apotropaico dai quali si credeva discendessero tutti gli appartenenti al clan. A questo totem il clan si sentiva legato da una sorta di parentela legata alla propria origine ed esso rivelava una dimensione religiosa unificante, pur non essendo un dio.

Il secondo culto “egizio/astronomico”
Per quanto riguarda il secondo culto, al quale si attribuiscono le altre opere e i relativi simboli realizzati con non poca fatica, si può effettivamente supporre che sia legato agli astri, le cui origini possono trovarsi in quella civiltà che migliaia di anni addietro mise in atto un misterioso sistema di pensiero ed utilizzò una forma esoterica di astronomia che fu una sorta di "scienza dell'immortalità", intesa a liberare l'Umanità dalle fauci della morte. Filosofia religiosa che si diffuse in India, Giappone, Messico, Indocina, isole del Pacifico, Sud America, Nord Europa, Etiopia ed Egitto. La presenza di simboli stellari faceva parte di un'antica e molto diffusa idea religiosa: "Tutto il mondo che si trova sotto è disposto a pieno delle cose che si trovano sopra".


tratto del sentiero rituale e palmenti lungo il sentiero

Persino i fiumi erano considerati la controparte della via Lattea , ritenuta la strada che conduce al regno ultraterreno: il Duta per gli Egiziani, la Terra del mistero per i Messicani, il Xibalba per gli antichi Maya dell'America centrale. Gli stessi simboli stellari di solito erano orientati verso quelle stelle o costellazioni in cui si credeva fossero poste le divinità: per gli Egiziani Iside era posta nella stella di Sirio del Cane Maggiore, Osiride suo sposo, nella stella più lucente della Cintura di Orione ed Horus, il loro figlio, era posto nel sole.


tratto del sentiero e altri palmenti

Si suppone che questo secondo culto presso la Rocca del Cappello, venisse praticato in onore di Iside, dea egizia portatrice di compassione e speranza. Dopotutto l’Italia è piena di luoghi di culto legati alla Dea Iside. Questo millenario culto, partendo da Menfi ed Alessandria, si diffuse in tutta l'area del Mediterraneo. Fu molto praticato anche a Roma al tempo di Silla (88-78 a. C.) e contrastato da Ottaviano con la lotta portata avanti contro l'Egitto di Antonio e Cleopatra.


scalini del sentiero rituale

A partire dall'inizio della nostra era il culto di Iside, oltre a schiavi e liberti fu praticato da intellettuali, proprietari terrieri e uomini d'affari in continuo transito lungo la Via Appia tra Oriente e Roma. Forse proprio questi ultimi hanno portato il culto di Iside ad Albano di Lucania fissando la sede dell' Iseo presso la Rocca del Cappello dove una certa sacralità tende ancora oggi a conservarsi inalterata.

Il sentiero rituale
Il "Sentiero Rituale", che dalla curva del Monticello porta alla Rocca del Cappello, fa venire alla mente le strade pavimentate con pietre piatte dell'isola di Pasqua, sulle quali, secondo la leggenda, i Moai (le statue giganti), per l'effetto dei mana, combinati da sette maghi che assieme sedevano sulle panchine di Rano Raraku, camminarono in senso orario attorno all'isola. Lungo il sentiero vi sono cinque coppie di vasche, i cosiddetti "Palmenti" essi sono vasche scavate lungo il sentiero rituale che porta alla Rocca del Cappello. Dovevano servire a raccogliere l'acqua piovana usata per le abluzioni durante il rito processionale che si concludeva con la cerimonia religiosa.


Palmenti in prossimità della Rocca del Cappello

Queste vasche, nonostante la loro rozzezza, servivano a favorire la decantazione dell'acqua lustrale come le vasche presso i santuari egizi. Infatti faceva parte dei riti in onore delle divinità astrali bagnarsi con l'acqua di stelle, un'acqua ferma che fosse stata tutta la notte sotto le stelle durante il novilunio dei Pesci, l'unico in cui la luna è totalmente nascosta dal sole. Era un bagno purificatore di buon auspicio per l'inizio di un nuovo anno.


Palmenti lungo il sentiero rituale

I simboli
La somiglianza di questi simboli con quelli egizio-isiaci, lasciano supporre a coloro che hanno studiato questo luogo con ligia devozione, come Damiano Pipino, che effettivamente si può palare di riti dedicati a questa divinità astrale.
• I cerchi scolpiti
Il cerchio scolpito in fondo al primo tratto del Sentiero, è orientato verso ad est, cioè dove sorge il sole alle ore 6.30 del mattino dell'equinozio di primavera, ricordiamo che Horus è l’incarnazione egizia del sole.


la coppia di cerchi e il cerchio scolpiti sulla roccia

Il cerchio con le due scalanature a destra, scolpito sul "Cappello" della Rocca potrebbe rappresentare il Sole con l'aggiunta delle corna bovine o piume, appannaggio degli dei, che dà; l'idea del disco solare "pteroforo", che reca due flabelli, motivo di derivazione tolemaica. La stessa Rocca del Cappello potrebbe anche essere una forma stilizzata di un Toro, animale molto amato dagli egizi, abbiamo soprattutto in Sardegna altri esempi molto simili.

• Il Fiore di Loto
La figura scolpita sul gradino sembra rappresentare un "fiore di loto primordiale", talvolta assimilato al sole, simbolo di Horus, oppure un fiore di loto trasformato a palmetta come quello raffigurato in testa alle sacerdotesse di Iside.
Il monogramma
Il monogramma inciso su una lastrina di pietra rossa, ritrovata presso la Rocca del Cappello, potrebbe forse rappresentare il famoso "nodo di Iside" (un pezzo di stoffa annodato in modo particolare), che fu l'amuleto più diffuso fra gli antichi egizi, simbolo soppiantato in età augustea dal "nodo di Salomone" diffusosi col Cristianesimo.


graffiti lungo il sentiero


LUOGHI MISTERIOSI NELLA STESSA CITTA'
La "Seggia del Diavolo" - Il trono del diavolo
La Rocca del Cappello - Un luogo di antichi rituali
I palmenti - A cosa servivano queste strane vasche?


ALTRI LUOGHI MISTERIOSI SIMILI
gruppo Culti simili agli egizi
gruppo Preistoria
gruppo Rituali

ALTRI LUOGHI MISTERIOSI IN BASILICATA
gruppo Luoghi in Basilicata

(c) foto e articolo Albano di Lucania official website
E' possibile approfondire l'argomento a questa pagina